hoc videns

2016-2018

Singoli momenti di vita quotidiana, racchiusi in dettagli e soggetti semplici, vengono sottratti al tempo e alla loro transitorietà. 

h o c   v i d e n s  include una serie di immagini, circa 150, scattate tra il 2016 e il 2018. Lo scatto si rivela in un momento in cui un dettaglio della realtà emerge, evocando forti sensazioni e riflessioni inconsce. L’istante si manifesta nell’intima solitudine quotidiana, attraverso l’osservazione e l’attenzione verso la realtà che ci circonda; un telefono cellulare, utilizzato per ogni scatto, si rivela dispositivo immediato che funge da diario visivo e visibile, portatile. Il tempo si imprime sulla superficie, la sua visibilità si misura attraverso la sospensione, che fluttua e lascia il segno. L’unione dei frammenti genera un racconto di poesia visiva. La pelle della realtà.